Menu

Tumore al seno, nessun rischio dalla fecondazione in vitro

Tumore al seno, nessun rischio dalla fecondazione in vitro

Il desiderio di avere un figlio, nel corso della vita, può far accantonare tutte le altre preoccupazioni. Ma tra le donne hanno affrontato una gravidanza dopo essersi sottoposte a una procedura di fecondazione assistita, prima o poi può sorgere un pensiero: quali conseguenze rischia di avere la stimolazione ormonale sulla salute? Oggi, a più di trent’anni dalla prima fecondazione in vitro, si può affermare che le donne che hanno affrontato questo percorso non corrono un rischio superiore di ammalarsi di tumore al seno, rispetto alla popolazione sana. 

EVIDENZE RASSICURANTI PER LA FECONDAZIONE IN VITRO - Da uno studio condotto da un gruppo di ricercatori olandesi e pubblicato sul Journal of the American Medical Association si evince che no, le signore che si sono sottoposte a un trattamento di stimolazione ovarica per procedere alla fecondazione assistita non hanno maggiori probabilità di ammalarsi del più diffuso tumore femminile (quarantottomila le nuove diagnosi conteggiate nel 2015). La conclusione consolida alcune evidenze emerse negli ultimi anni. Già nel 2013, infatti, un gruppo di ricercatori israeliani e statunitensi aveva pubblicato su Fertility and Sterility i dati di una ricerca che escludeva il rischio oncologico, di cui sarebbe eventualmente responsabile il surplus di ormoni (estrogeni e progesterone) che si genera nel tentativo di indurre l’ovulazione e che può contribuire all’insorgenza di alcuni tumori al seno, all’ovaio e all’utero. Per questo motivo, prima di cominciare un trattamento, si consiglia alle donne con più di 33-35 anni di sottoporsi a una ecografia mammaria o a una mammografia. Quest’ultimo lavoro, visti i numeri, offre nuove rassicurazioni.

NESSUN RISCHIO AUMENTATO A VENT’ANNI DAL TRATTAMENTO - Gli studiosi hanno analizzato il rischio a lungo termine (vent’anni) di ammalarsi di cancro della mammella in un gruppo di oltre diciannovemila donne sottopostesi a una procedura di fecondazione in vitro tra il 1983 e il 1995 nei dodici centri autorizzati a effettuare procedure di procreazione medicalmente assistita nei Paesi Bassi. Gli autori hanno valutato altri fattori potenzialmente correlati allo sviluppo di una neoplasia, come l’età del primo concepimento, il numero di parti e i tentativi di fecondazione in vitro affrontati. Hanno poi rilevato, facendo ricorso al registro tumori nazionale, quante di queste donne si fossero ammalate di tumore al seno (invasivo o in situ) e hanno poi posto a confronto questo dato con quello analogo dedotto da un pool di quasi seimila donne che si erano sottoposte a trattamenti che non prevedevano la stimolazione ovarica e con quello relativo a un campione rappresentativo della popolazione generale. Valutando lo stato delle donne all’età di 55 anni, a due decenni (in media) di distanza dai trattamenti, l’incidenza cumulativa del tumore al seno era pari al tre per cento nel gruppo che s’era sottoposte alla stimolazione ormonale e al 2,9 per cento tra tutte le altre. Curioso, ma rassicurante, l’evidenza che vedrebbe le donne sottopostesi a sette o più cicli di stimolazione ovarica accompagnate da un rischio di malattia inferiore rispetto a quelle trattate con uno o due cicli. «Ciò significa che all’aumentare delle volte in cui ci si sottopone al trattamento, non cresce il rischio di ammalarsi di cancro», fa sapere la Società americana di medicina della riproduzione.

 

 

Fonte: fondazioneveronesi.it

 

Share/Save/Bookmark

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

back to top

 

Via 4° Traversa Kennedy, 34 - (nei pressi del Centro Commerciale "Metropolis") - 87036 Rende (Cosenza) Italia
Telefono: (+39) 0984 467949 - Mobile: (+39) 338 5246414 - (+39) 328 9725220
Email: info@raffaelemisasi.it - raffaelemisasi@gmail.com
Copyright © 2016 - Dottor Raffaele Misasi - Studio Ginecologico. Partita Iva: 02509310781 - Tutti i diritti riservati.

Il presente sito fa uso di cookie che consentono di fornire una migliore esperienza di navigazione